comune di Fanna

Il nome di Fanna significa “luogo sacro”, forse per la presenza di un’antica abbazia benedettina dipendente da Pomposa, edificata prima dell’anno Mille. I ritrovamenti archeologici fanno comunque pensare che il luogo fosse abitato in epoca romana e le poche notizie storiche che ci sono pervenute sui secoli successivi parlano di scontri continui con la vicina Cavasso, soprattutto per questioni di confini e di controllo sul territorio. Abbiamo notizie certe su Fanna tramite le sue chiese. Sappiamo, per esempio, che verso la metà del secolo VIII questo luogo, circondato da selve, fu scelto da San Anselmo (figlio del re longobardo Rachis) per costruirvi un monastero e la cappella dedicata a San Martino. Si ritene infatti che siano stati i Longobardi, convertitisi al Cristianesimo, a diffusione nuovamente la fede in questi luoghi della Pedemontana dopo le distruzioni e le rovine causate dalle invasioni barbariche e dall’esercito di Odoacre. Attorno al monastero, poi abbazia, si sviluppò l’abitato dell’odierna Fanna di Sopra, che costituiva la Pieve di S. Remigio (ora Cavasso Nuovo). Entrambi gli abitati, però, formavano un’unica giurisdizione civile sotto i Conti di Polcenigo-Fanna e venivano indicati con il comune toponimo di “Fanna”. I Conti di Polcenigo conquistarono il feudo di Fanna dopo il 1000, in una guerra contro il Patriarca di Aquileia. Già nel secolo XVIII i terrazzai e i mosaicisti di Fanna erano largamente conosciuti a Parigi; acquistarono gran nome nel secolo XIX per la costruzione di pavimenti ornati e a mosaico in Veneto, Lombardia, Francia, Austria, Ungheria, Russia ed America. Forse anche questo ha favorito un fenomeno che ha contraddistinto la storia recente del paese, terra di forte emigrazione fino agli anni '50 del secolo scorso.
centro storico
La parrocchia di S. Martino, ha iniziato ad avere una vita autonoma il 20 ottobre 1584, quando venne separata da quella di S. Remigio. Conserva una pala di San Martino opera del pittore fiammingo Giovanni Moro (1662).

La parrocchia di S. Martino, ha iniziato ad avere una vita autonoma il 20 ottobre 1584, quando venne separata da quella di S. Remigio. Conserva una pala di San Martino opera del pittore fiammingo Giovanni Moro (1662).

La chiesa attuale è stata portata a termine nel 1827.

Situata all’interno del cimitero, troviamo poi la Chiesetta di San Rocco, che risale all’XI secolo ma fu restaurata nel XV e XVI secolo. Al suo interno, lo splendido ciclo di affreschi de Il Calderari e l’altare ligneo secentesco nella cappellina interna.

Leggi tutto »
Da non perdere
  Nel territorio di Fanna esiste il santuario della Madonna di Strada,...
Una passeggiata che ci conduce fino a Valavan, una borgata di Frisanco che...
Costruzione devozionale del XVII secolo, eretta in sassi e poi intonacata,...

informazioni

Fanna

33092 Fanna

come arrivare
Calcola percorso da calcola
Sito ufficiale del turismo e degli eventi in provincia di Pordenone
Attendere!
Stiamo recuperando i tuoi preferiti ...