comune di Claut

Nel cielo di Claut domina l’aquila reale, lungo i pendii si rincorrono cervi, camosci e stambecchi. La natura, selvaggia e dolce, offre mille suggestioni in tutte le stagioni, nei sentieri per raggiungere a piedi o in bicicletta silenziosi rifugi immersi nei boschi.

Claut è il comune più esteso della provincia di Pordenone e punto di partenza di escursioni verso luoghi ameni e incontaminati, dalle sorgenti del cellina al Rifugio Pussa fino alla cascata del Rio di Casavento, dove è possibile osservare impronte di dinosauro risalenti a 215 milioni di anni fa.

Caratteristiche le case del borgo, tutte in pietra rustica con le facciate arricchite da portici e logge e con la caratteristica “porta della neve”, un ingresso costruito al piano superiore nel caso la neve blocchi la porta d’accesso. Nel locale Museo della Casa Clautana, si possono ammirare alcuni utensili e manufatti di artigianato tipico quali gli oggetti in legno venduti dalle sedonere e gli scarpèth.

Meta di sportivi, amanti del curling e della canoa, il paese ospita lo Stadio del Ghiaccio e l’Ice Park, un’alta torre di ghiaccio che si può scalare in arrampicata usando piccozze e ramponi.

 

Storia di Claut

Pochi paesi come Claut, pur vantando origini antiche, sono stati prigionieri per tanto tempo di una valle, la valle del Cellina (e Claut deriva proprio dal latino clauditu, che significa luogo chiuso).

Dall’anno 924 infatti, quando la “villa quae vocatur Clauto” è citata in un atto di donazione all’Abazia di Sesto al Reghena da parte della contessa longobarda Imeltrude.

Fino al 1911-13, un unico, sperduto e pericoloso sentiero collegava Claut, passando per Barcis e Andreis, alla pianura friulana, da una parte, e per Cimolais ed Erto-Casso andava a strapiombare nella valle del Piave. Questi paesi però esistevano da molto tempo prima, riuscendo a sopravvivere in un ambiente così aspro e fuori dal mondo, grazie alla caccia, alla pesca e a quel poco di agricoltura di montagna, alla pastorizia e allo sfruttamento dei boschi che più avant, si trasformò in commercio con la Repubblica di Venezia mediante la fluitazione e un sistema di stue, piccole dighe in tronchi che ne agevolavano il deflusso verso valle.

centro storico
Ha una storia relativamente recente la chiesa di San Giorgio Martire. Realizzata attorno al 1820, si presenta con una facciata a capanna e quattro lesene addossate.

Ha una storia relativamente recente la chiesa di San Giorgio Martire. Realizzata attorno al 1820, si presenta con una facciata a capanna e quattro lesene addossate.

Al suo interno, conserva statue e altari lignei del ‘700 della bottega di Giovanni Auregne e due vaste tele del ‘700, Lavanda dei piedi eUltima cena, dell’artista austriaco Ambrogio Chelm.

Più recente è la serie di affreschi in corrispondenza del coro e del soffitto della navata che porta la firma di Tibursio Donadon. L’altare maggiore, ornato ai lati da statue lignee del 1922 è opera di Franz Martiner, mentre quello laterale di legno intagliato, dorato e dipinto, è opera del cadorino Giovanni Auregne. Seicenteschi sono pure gli altari dedicati al Sacro Cuore e a Sant’Antonio.

Leggi tutto »
Manifestazioni principali
Arti e sapori della Valcellina
Ogni anno si svolge la tradizionale manifestazione Arte e sapori della Valcellina , una rievocazione del passato incentrata su arte, cultura,...
approfondisci
Via Crucis vivente
Evocativo e suggestivo è l’appuntamento con la processione del Venerdì santo che si ripete ogni anno lungo le vie di Claut, fermandosi 14 volte...
approfondisci
Da non perdere
ll 30 settembre del 1994 fu, una scolaresca in visita di istruzione al...
Il  pestith è un pesto di rape macerate, la cui macerazione richiede...
Il Museo della casa clautana è stato aperto al pubblico nel 1990. Il...

informazioni

Claut

33080 Claut

come arrivare
Calcola percorso da calcola
Sito ufficiale del turismo e degli eventi in provincia di Pordenone
Attendere!
Stiamo recuperando i tuoi preferiti ...