COSA FARE / Business / Sedi Congressuali

Villa Ottoboni


Esempio di architettura del tardo quattrocento. Sorta come residenza di aristocratico splendore, essa conserva ancor oggi, nonostante il tempo vi abbia inferto non lievi mutilazioni, una immutata dignità di stile.
La famiglia Ottoboni ne venne in possesso nel 1579, dopo quarant'anni di concessione enfiteutica, con l'acquisto da parte di Dionora Basalù, vedova di ser Marco Antonio Ottoboni, Cancellier grando della Repubblica di Venezia, e nonna di Pietro Ottoboni, il futuro papa Alessandro VIII. Il complesso padronale, col "palazzo, con suo brollo, parte arativo e piantato" come ricorda una mappa del XVIII secolo, copriva un'area di decine di ettari; non vi mancava nulla di ciò che allieta un soggiorno "in villa", come si diceva, dalla pesciera alimentata da una roggia, alla uccellanda, al vasto parco. Vi trovava posto, nei momenti di maggior splendore della famiglia, una compagnia di duecento persone, tra dame e cavalieri, convenuti per la caccia. Tale periodo di massima fortuna coincise col pontificato di Alessandro VIII e con le investiture nobiliari di vari Ottoboni.
Ed anche se si può soltanto pensare probabile, ma non dimostrare, qualche soggiorno del Pontefice a Pordenone, resta sempre il fatto che Villa Ottoboni può annoverarsi legittimamente tra le "ville papali".

Come arrivare
In auto: autostrada A4 – Uscita Portogruaro – direzione Pordenone - 5 KM dall’uscita autostradale Pordenone Fiere.
In treno: Stazione di Pordenone – pochi minuti a piedi.

In aereo: Aeroporto Ronchi dei Legionari – Trieste – tempo di percorrenza 1 ora
Aeroporto Marco Polo – Venezia – tempo di percorrenza 1 ora.

 

  • Sala Riunioni
    posti a sedere 8

  • Sala Consiglio
    posti a sedere 24


informazioni

Villa Ottoboni

Piazza Ottoboni, 2
33170 Pordenone

+39 0434 21967
come arrivare
Calcola percorso da calcola


Sito ufficiale del turismo e degli eventi in provincia di Pordenone
Attendere!
Stiamo recuperando i tuoi preferiti ...