comune di Roveredo in Piano

Un tempo foresta di roveri (dal latino roveretum, rovereto appunto), oggi Roveredo è una ricercata zona residenziale alle porte di Pordenone a ridosso di Piancavallo e della Pedemontana.

Custodisce gelosamente le sue origini di borgata rurale, all’interno dei vecchi portoni e dei muri di pietra delle case che si affacciano sulla pubblica via.

Rivive ancora nell’ultima domenica di agosto l’antica tradizione che vede scontrarsi le undici vecchie borgate del paese nel gioco dei pindoi, una gara di precisione che consiste nel lanciare e colpire le pietre che rappresentano i rioni degli avversari.

Storia di Roveredo in Piano

Le prime testimonianze di insediamenti abitativi nel territorio del comune di Roveredo in Piano risalgono alla Preistoria, cui appartiene la tradizione delle tombe a tumulo che erano presenti numerose nel territorio, purtroppo andate distrutte. In epoca romana fu inserita nella X Regio, avente come capoluogo Aquileia.

Sul finire del Duecento viene distrutta dalle truppe del signore di Treviso, Gerardo da Camino, in lotta contro il patriarca di Aquileia per il predominio sulla zona. Infeudata ai Di Porcia, nel 1420 passa sotto il dominio della Serenissima.

Aggregata a Pordenone durante l’invasione napoleonica, recupera l’autonomia amministrativa nel 1816, quando entra a far parte del Regno Lombardo-Veneto. Nel 1866,viene annessa al Regno d'Italia.

centro storico
Risale, nella sua forma attuale, al secolo scorso, ma ha origini molto più antiche.

La storia della Chiesa è lunga e interessante, a partire dalla sua iniziale costruzione nel 1100: già nel 1293,  viene distrutta quando il paese è saccheggiato e incendiato dalle milizie di Gherardo da Camino. Ricostruita, anche se di piccole dimensioni, subisce la furia devastatrice dei Turchi quando Roveredo nel 1499 viene distrutto e “pareggiato al suolo”. Dopo la disperazione che ne segue la comunità cristiana ricostruirà a fatica quanto distrutto. Nel 1585 (il paese conta 570 anime) si ha notizia della Chiesa riedificata, che dipende dalla ’matrice’ di Pieve di Porcia.

Nel 1788 si gettano le fondamenta di un nuovo campanile, la cui costruzione sarà travagliata, con tempi molto lunghi. Si dovranno attendere gli anni '70 dell'Ottocento per vedere la nuova chiesa edificata, che è poi quella che possiamo visitare oggi.

Conserva, nella sagrestia, una tela del '700.

Approfondisci sul sito della Parrocchia San Bartolomeo Apostolo

Leggi tutto »
Manifestazioni principali
Rievocazione Storica dell'Antico Giuoco dei Pindoi
Appuntamento annuale agostano durante il quale i dodici borghi di Roveredo in Piano si sfidano “a singolar tenzone”, a colpi di sasso! Ogni...
approfondisci
Da non perdere
  Un tempo solitaria costruzione in mezzo alla campagna all’incrocio tra...
informazioni

Roveredo In Piano

33080 Roveredo In Piano

come arrivare
Calcola percorso da calcola
Sito ufficiale del turismo e degli eventi in provincia di Pordenone
Attendere!
Stiamo recuperando i tuoi preferiti ...