comune di Vajont

In poco più di un chilometro e mezzo di superficie si racchiude la storia recente di questo piccolo paese, disegnato a tavolino e pensato come esempio di moderno villaggio di pianura, dove potessero rivivere alcune caratteristiche fondamentali dell'area montana partendo dagli ampi spazi verdi.
Lungo le strade parallele immerse nel verde si affacciano le abitazioni che dal 1971 ospitano le popolazioni di Erto e Casso, costrette ad abbandonare le proprie dimore in seguito alla sciagura del Vajont.

Storia di Vajont

Il comune è il più giovane tra quelli della provincia di Pordenone, sorto alla fine degli anni Sessanta in seguito alla tragedia del Vajont (1963), che indusse il governo a far evacuare la valle del lago omonimo per il timore di ulteriori frane e dunque di nuove vittime tra la popolazione di Erto e di Casso.

La località fu concepita urbanisticamente dal prof. Giuseppe Samonà, della facoltà di architettura di Venezia, come esempio di moderno villaggio di pianura, dove potessero rivivere alcune caratteristiche fondamentali dell'area montana partendo dagli ampi spazi verdi.

Il comune è il più giovane tra quelli della provincia di Pordenone, sorto alla fine degli anni Sessanta in seguito alla tragedia del Vajont, avvenuta nel 1963. La notte del 9 ottobre, infatti, una frana di oltre 270 milioni di metri cubi, con un fronte superiore di due chilometri, una larghezza non inferiore ai cinquecento metri e una altezza di circa duecentocinquanta, precipitò nel bacino artificiale con una velocità stimata intorno ai cento km/h. La forza della massa franata creò un’onda che non risparmiò nulla e il giorno dopo il paesaggio si presentava completamente bianco e completamente vuoto, lasciando sepolte le circa 2000 vittime della catastrofe

Il decreto di inagibilità del territorio di Erto e Casso costrinse gli abitanti del luogo ad abbandonare la loro terra natia. Molti decisero di sistemarsi nell'area di Longarone, altri nelle nuove abitazioni create nel comune di Ponte nelle Alpi, località che venne chiamata "Nuova Erto".

Ma la maggioranza scelse di insediarsi in un’area agricola del maniaghese, “Località Bosco dell’Impero”, a circa 50 chilometri dall’abitato precedente, ove nel dicembre del 1966 fu posata la prima pietra del nuovo paese, che vedeva coabitare per la prima volta insieme Ertani e Cassani: fu scelto il nome Vajont in memoria della Valle e del disastro. Un’area di neanche due chilometri quadrati, che lo attestano come il comune più piccolo d'Italia.

Situato a un passo dalla pedemontana friulana, fu istituzionalizzato nel 1971. Strade e vie riportano toponimi della valle natia a conferma del perenne attaccamento della sua gente al territorio perduto.

Leggi tutto »
centro storico
Difficile parlare di centro storico per un paese nato per ospitare gli scampati alla tragedia del Vajont. Ciononostante, anche qui troviamo i simboli di una comunità.

A esempio, la chiesa del Gesù Crocefisso, benedetta e aperta al culto il 15 settembre 1974 e consacrata il 7 dicembre dello stesso anno dall'Amministratore apostolico mons. Abramo Freschi.

Accanto alla chiesa sono sorti gli edifici per le opere parrocchiali e la canonica.

Sulla piazza principale, è stata eretta anche la Fontana monumento, che riporta incisi sulla pietra i nomi degli abitanti di Erto e Casso che hanno perso la vita nel disastro del Vajont del 1963.

Approfondisci su Parrocchia di Vajont

Leggi tutto »
informazioni

Vajont

33080 Vajont

come arrivare
Calcola percorso da calcola
Sito ufficiale del turismo e degli eventi in provincia di Pordenone
Attendere!
Stiamo recuperando i tuoi preferiti ...